24
DIC
  UQ Holder: arriva il sequel di Negima!
  Opinioni

Quasi due anni sono trascorsi da quel 14 Marzo 2012 che segnò la fine di Mahou Sensei Negima e di un'altra grandiosa serie del maestro Akamatsu. Il finale di Negima lasciò molti, tra i quali il sottoscritto, con un senso di incompiutezza. Molte delle domande poste nella serie non avevano ricevuto risposta oppure erano state lasciate a libera interpretazione, senza contare che il grandioso materiale prodotto tra trame, sottotrame, personaggi e location avrebbe dato spazio a molte più avventure rispetto ai “soli” 38 volumi di cui si compone la serie.
Non ci è dato sapere quali fossero le idee di Akamatsu a riguardo ma sta di fatto che circa un anno e mezzo dopo ci viene presentato UQ Holder, il seguito ufficiale di Mahou Sensei Negima, dove forse troveremo qualche indizio sulle risposte a lungo cercate.
La storia ha luogo 70 anni dopo la fine di Negima e vede tra i protagonisti Evangeline A.K. Mc Dowell, immortale vampiro shinso e insegnante di Negi, in un mondo che è venuto a conoscenza della magia. Dopo una breve introduzione nella quale rivediamo Eva deplorare la sua immortalità la storia si apre con il vero protagonista della storia Touta Konoe (anche dal suo cognome si può evincere il legame con la precedente serie) un giovane ragazzo del villaggio che ogni giorno si impegna con i suoi amici nel cercare di diventare un combattente sempre più forte. Rimasto orfano dei genitori in seguito ad un incidente, Touta è stato affidato a Yukihime, una ragazza proveniente dalla capitale del paese, che fa da insegnante a lui e agli altri ragazzi. L'obiettivo di Touta è quello di recarsi alla capitale, il cui pilastro che la sorregge alto fino al cielo, è talvolta visibile dal villaggio. Ma per avere il permesso di recarvisi dovrà prima sconfiggere Yukihime in duello, solo così potrà dimostrare di essere sufficientemente forte per andare ad affrontare le insidie della capitale.
Questo nuovo lavoro di Ken Akamatsu risulta estremamente godibile anche se, come Negima, ha una partenza molto lenta. Il prologo di ben 82 pagine scorre abbastanza a rilento e cerca di presentarci al meglio i personaggi principali e il mondo in cui vivono. I chiari riferimenti al mondo di Negima sono inseriti in modo molto peculiare e non fanno altro che attirare l'attenzione del lettore, in special modo facendo leva su quel senso di incompiutezza della precedente opera della quale si spera di trovare qui alcune risposte.
La cosa che sorprende maggiormente è l'evoluzione del chara design di Akamatasu. Touta è alquanto somigliante a Negi e il tratto è sempre quello classico del mangaka, ma Yukihime e gli altri personaggi secondari hanno dei tratti differenti che personalmente mi hanno ricordato più lo stile di Hiromu Arakawa (Full Metal Alchemist) e più in generale un tratto molto maturo.
I fondali e le location sono come sempre spettacolari e molto particolareggiate, segno inconfondibile dell'utilizzo della Computer Graphics che Akamatsu sfrutta sin dai suoi precedenti lavori e che perfettamente si fondono con il disegno dei personaggi senza staccare i due livelli di profondità.
L'unica cosa che mi ha fatto un po' storcere il naso sono alcune caratteristiche che vogliono portare il manga sempre verso il mainstream, penso ad esempio allo stile dei combattimenti oppure a velate citazioni di altri lavori famosi (alzi la mano chi non ha pensato che il pilastro della capitale fosse l'Obelisco di Balzar di Dragonball). Il maestro Akamatsu mi aveva abituato ad avere sempre elementi un po' più di nicchia rispetto allo standard ma diamo tempo al tempo. La storia è appena cominciata e di certo nasconde un grande potenziale dimostrando come, già dall'incipit dei primi capitoli, possa davvero essere sviluppata in tanti modi.
In una recente intervista Ken Akamatsu ha dichiarato che questo potrebbe anche essere il suo ultimo lavoro. Speriamo sinceramente che non sia così ma, appassionati del mangaka e non, il mio consiglio è quello di godersi appieno questa nuova bella serie.
Essendo in periodo di festività non posso che rinnovare a tutti coloro che ancora seguono il portale di HinaWorld e leggono i miei editoriali e le traduzioni i miei più calorosi auguri di un sereno Natale e un felice anno nuovo. Ero solito cercare di fare un regalo ai lettori e anche quest'anno ci sono riuscito: potete trovare nella sezione delle Manga Scanlations la prima parte tradotta in italiano del primo capitolo di UQHolder! La parte restante e i capitoli successivi seguiranno a breve cercando di mantenere una discreta velocità di uscita almeno finchè qualche editore italiano non lo annuncerà.




RSS   User Comments